Senza categoria · Vita da mamma; io mamma

Mamme il tunnel dura tre anni (non abbiate fretta)

ioegreta.jpg

La faccia di una neo mamma la riconosci subito.
Le occhiaie non mentono.
Lo sguardo un po perso nel vuoto altrettanto.
Il pallore idem.

La privazione di sonno è la peggiore delle torture.

E lo sono, torture intendo, tutti i consigli non richiesti.
Gli estranei che per strada vorrebbero toccare le manine di tuo figlio e tu pensi “Cazzo le mani no…poi se le mette in bocca”, e le coliche, e le telefonate h 24 dove tutti ti chiedono solo “com’è? E’ bravo? Dorme? Ha fatto la cacca? la pipì? ha mangiato? e lo allatti? non lo allatti? e i pannolini? E i dentini? E  poi lo allatti ancora? E come non cammina? non parla? Non fa ciao ciao con la manina?”

E le vacanze che ci pensi su mille volte se davvero sono vacanze.
Scendi al mare presto e torna ancora prima.
Ricorda la protezione, il cappellino, i pannolini, il bodino di ricambio, le salviettine e il salvagente.
Fai un trasloco per due ore.

Però…però…crescono.
E lo fanno alla velocità della luce.

A volte guardo Greta.
La sento cantare, raccontarmi le cose.
La guardo ballare e vedo i Suoi occhi brillare quando riesce in qualcosa di nuovo e urla “Ce l’ho fatta. Ci sono riuscita”
E penso che mi sono persa un sacco di cose con l’ansia che avevo di vederla già grande.

E intanto in questi giorni sono riuscita a portare le bimbe in piscina e sono riuscita a stendermi e leggere anche un po’.

Sarà  che c’è la sorella più grande e che nei momenti d’amore (che stanno diventando per fortuna sempre più frequenti anche se Greta ha un caratterino niente male) giocano e stanno sempre insieme.

Sarà che ad un certo punto, quando passa quel momento fatto di mero accudimento e di baci al borotalco, ti ritrovi con tuo figlio con cui hai una perfetta sintonia nel bene e nello sclero.
Sarà solo che bisogna avere pazienza.
O che la vita di prima la metti nella scatola dei ricordi insieme a tante foto in cui eri sempre sorridente, ed ora hai una nuova scatola da riempire con foto nuove.
E in queste foto guardi i tuoi occhi sul volto delle tue figlie.
E queste foto ti ricordano la tua infanzia e te la fanno rivivere con nuovi occhi.
Forse i figli ti regalano proprio questo: la possibilità di ritornare di nuovo bambino.
Ti ridanno un po’ di ingenuità.
Quella che ti faceva credere che il dolore passava davvero con un bacino magico

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...