io mamma · Senza categoria · Vita da mamma; io mamma

La sfiga delle mamme

funambolo

Se anche tu sei figliodotata di certo ti sarà capitato di essere nominata ne “La sfida delle mamme”
Cosa succede?
Come funziona?
Una tua amica ha postato su Fb tre foto felici di Lei con i suoi figli e ti ha chiesto di fare altrettanto.
La notifica ti sarà arrivata più o meno in una delle seguenti condizioni:

-ore 18: sei al supermercato.
Il tuo frigo ha la funzione “eco” (nel senso che è vuoto) e hai trascinato le tue figlie a fare la spesa.
Giusto il minimo indispensabile.
Rientri con 4 sacchetti carichi di tutto (meno che della cena) e ti tocca fare pure due piani di scale a piedi con la piccola (che oramai pesa più di una cassa d’acqua da due litri)

– sabato interno casa ore 10 del mattino.
Sei ancora in pigiama.
Tenti di pulire e mettere ordine in casa.
Per ogni gioco riposto i tuoi figli ne tiran fuori tre.
E quando finalmente hai finito (per modo di dire perchè in una casa non si finisce mai) s’è fatta ora di pranzo. Dici “bye bye” al tuo aperitivo.
Tocca cucinare.
Ergo si sporca di nuovo tutto.
Le pulizie con i bambini in casa assomigliano ad una partita di monopoly junior: vai direttamente in prigione senza passare dal via

-l’ora del bagnetto
Loro, ti taggano, giusto il tempo di guardare tre foto e le tue figlie hanno allagato il bagno.
Il sugo si è bruciato.
Il gatto ha sete e lo trovi con la capa nel cesso nel vano tentativo di recuperare un po’ d’acqua fresca. (da ieri ho il timore di trovare prima o poi il gatto annegato con la capa nel wc)

La catena di sant’antonio mi sembra solo l’ennesima presa per il culo in giro.
“Guarda che bello fare la mamma”
Bello?
BELLO???????????

Diciamoci la verità.
E ammettiamo che certi giorni sono proprio difficili.
Che coinciliare tutto è un’acrobazia che manco al Cirque du soleil sanno fare.
Diciamolo che un figlio è una responsabilità enorme.
Che sono tanta gioia ma anche tanti sacrifici.
Diciamolo quanto sarebbe bello ogni tanto avere due ore di silenzio assoluto senza temere che tuo figlio stia escogitando un modo per uccidersi.

Diciamocelo che per sopravvivere ai capricci qualche voglia è necessario urlare.

Diciamolo che non sono solo i sorrisi delle foto.
Diciamolo che non siamo perfette.
E che nessuno si fa mai scattare una foto mentre piange.

Quindi ho glissato l’invito ed ho postato sul mio profilo una foto di me e i miei amici del corso pre-parto (con tavolo dei bambini annesso).
E’ stata una bella serata al limite dell’inquinamento acustico.
Alle 21 eravamo già fuori dal pub.
Ed io alle 21.45 avevo già il pigiama.
Tutta vita!!!!

 

Annunci

One thought on “La sfiga delle mamme

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...