vita di coppia

Di quando eravamo felici con un risotto pronto

Gli anni.

I figli.
Le giornate di lavoro che non finiscono mai.
Le bollette che sono sempre le stesse ad aspettarti ogni due mesi.
Le cene da preparare.
La tavola da sparecchiare.
Lavatrici da fare.
La pila di panni da stirare.
Il bagno da pulire.
Il letto da rifare.
“Ancora carne e insalata?”
“Eh…ringrazia che son riuscita a preparare almeno questo!”
Le serata a cui puoi andare.
Gli inviti da rifiutare
“Eh ma la piccola si addormenta presto e  poi piange perché ha sonno ed io la serata così non me la godo”.
E poi la stanchezza di giornate troppo lunghe.
Il rientro quando ormai non hai neanche più la forza di chiedere “com’è andata la tua giornata?”  e riesci a stento a dire “buonanotte”
Eppure un tempo eravamo felici e cenavamo su un tavolo di plastica (di quelli che si usano sui terrazzi delle case al mare)
Eravamo felici e sapevo cucinare solo un risotto pronto.
Eravamo felice e non avevamo niente altro che noi.
Annunci

4 thoughts on “Di quando eravamo felici con un risotto pronto

  1. E di certo lo siete ancora solo che e' così difficile dedicarsi del tempo, quando si e' così stanche!! Potrei darti il consiglio più banale del mondo di stare solo un po' voi due, e riprendervi degli spazi, ma poi non saprei suggerirti come farlo, perché con due bambini e una vita che va sempre troppo veloce, anche una pizza a due e' un lusso. Credo che molte coppie vivano quello che stai vivendo tu, e quello che vivo pure io, perché ci siamo un po “accantonati” a vicenda. Non per mancanza di interesse, per scarso amore e i differenza, ma per necessità. Non c'è' tempo punto. Ogni tanto però nell'arco della giornata ci scappano momenti rubati, telefonate, pranzi al volo, un aperitivo venendoci incontro per qualche km dai rispettivi posti di lavoro. Sembra più di avere un amante che un marito e ti dirò non mi dispiace affatto!

    Mi piace

  2. Gemma… hai detto con altre parole quello che ho detto io nel mio post. O meglio, quello che non ho detto ma che forse avrei dovuto dire: non riusciamo più a dedicarci del tempo per noi… e così ci scappa di litigare più spesso del solito.
    Non vedo l'ora di superare questo momento.
    coraggio!!!!!

    Mi piace

  3. Eravamo felici, con la leggerezza di chi non deve rendere conto a nessuno, con la flessibilità di chi decide solo per se stesso, con la spregiudicatezza dei vent’anni. Però non avevamo quello che abbiamo ora, non avevamo costruito una famiglia e una carriera. E costruire è faticoso, richiede cure continue. A volte sembra di fare una fatica troppo grande, ma se pensiamo a quello che abbiamo ci rendiamo conto che ne vale sicuramente la pena.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...