bad day · io mamma · pediatra · pronto soccorso

Il peggior pomeriggio della mia vita

Vi è mai capitato quel giorno in cui tutto sembra andare bene e poi all’improvviso diventa tutto nero?
Ecco mi è capitato mercoledì scorso.
E se ci penso ancora mi vengono meno le gambe.
Mercoledì ho rischiato: di svenire, un infarto, di perdere la voce, un altro infarto e di perdere di nuovo la voce.
Quando sono andata a letto all’una ho pensato che se il tempo si fosse fermato alle 15 non sarebbe successo nulla di quello che è stato.
Quello che leggerete è il resoconto dettagliato del pomeriggio di mercoledì.
Ore 15.30 rientro a casa.
Solite chiacchiere con la baby sitter prima di salutarla, sveglio Greta, cambio il pannolino, chiudo le finestre e porto le bambine dal pediatra per un controllo alle spalle visto che ieri avrei dovuto fare il richiamo per il vaccino ad entrambe.
Arriviamo dalla pediatra con 10 minuti di anticipo rispetto all’appuntamento.
Lo studio era pienissimo.
Causa una serie di urgenze entriamo solo un’ora dopo l’orario previsto.
Visita per Giada: tutto ok.
Giusto un po’ di muchi ma niente di preoccupante, faremo aerosol per qualche giorno e rimandiamo il vaccino.
Tocca a Greta.
La spoglio, la pediatra la visita: anche Lei ha un po’ di muchi, mi prescrive un po’ di aerosol.
La dottoressa vuole approfittare per fare il bilancio di crescita: dal mese scorso ha preso 250 gr.
Oramai sono un po’ di mesi che va avanti così.
Cresce poco (i primi mesi prendeva 1500gr ogni mese) così mi prescrive analisi delle urine e urinocoltura, i suggerisce di toglierle il mio latte e di proseguire con yogurth o pappa lattea (non vuole il biberon a meno che non faccia zuppetta con i plasmon)
Chiedo alla pediatra se può controllare quella che sospettavo fosse un’emorroide per Greta (ha problemi nell’evacuazione: scusatemi se parlo di cacca) .
La dottoressa controlla si acciglia e dice: “non è un’emorroide, voglio consultarmi con un altro medico”
Esce dalla stanza ed io resto con Greta sul lettino, la stanza che comincia a girare (ho pensato le cose peggiori del mondo) e Giada che mi chiedeva se la dottoressa poteva regalarle il gioco che stava usando.
Rientra la pediatra con il Suo collega (medico molto quotato in zona), controllano e Lui dice:”ah ma questa è una stronzata -vi giuro che ha detto cosi-“
IO: “io sto per svenire, mi sento male”
Lui:” signora non serve svenire per questo doveva svenire se fosse stata un’emorroide.
Se da grande sua figlia volesse eliminare questa piccola escrescenza sarà uno stupido intervento di neanche dieci minuti”
Cerco di tranquillizzarmi, ci rivestiamo e usciamo.
Giada vuole fare una gara a chi è più veloce. Le dico di no perchè è pericoloso, mi ignora…corre, scende dal marciapiedi…una macchina inchioda.
Grido e corro fortissimo.
Saliamo in auto, passo per scuola di Giada e poi rientriamo a casa.
Prima però mi fermo a comprare il pellets così me lo consegnano subito.
Greta si addormenta mentre parcheggio (abito un parco chiuso e il posto auto è proprio di fronte la porta di casa), nel frattempo arrivano i signori del pellets :”Giada lascio la portiera dell’auto aperta, resta dentro e controlla Greta che dorme apro la porta di casa e ritorno subito”.
Prima di uscire tolgo le chiavi dal quadro della macchina e le appoggio sul mio sedile.
Guardo la macchina, apro la porta di casa, ritorno in macchina (giuro avrò impiegato dai 3 ai 5 secondi): sono sparite le chiavi dell’auto: “Giada hai preso le chiavi della macchina di mamma?”
“Sì, le ho date a Greta”
“Giadina a mamma Greta sta dormendo dove hai messo le chiavi?”
“secondo me Greta le ha perse”
“Giada dimmi immediatamente dove sono le chiavi”
“Mamma è inutile l’ho dimenticato”
Mi arrabbio, arriviamo alla porta di casa (che con le due bimbe e le borse in spalla sembra un percorso lunghissimo):” Mamma mi sono ricordata: sono sotto al seggiolino di Greta”
Ritorniamo in auto e trovo le chiavi.
Entriamo a casa, togliamo le giacche, metto Greta sul tappeto con  i Suoi giochi e mi metto a compilare i voucher per pagare la baby sitter.
Sul tappeto ci sono i cuscini del divano (che Giada voleva fare la casetta per Greta).
“Mamma ho messo Greta sul cuscino”
“Giada mettila giù, Greta deve stare sul tappeto”
“Ok”
Sento Giada che si allontana e poi…BUM
Mi giro.
Greta è caduta con la testa sul pavimento.
Non si muove.
Panico.
La prendo in braccio, piange fortissimo, vomita.
Ok devo portarla in ospedale.
Scrivo alle mie amiche per capire dove portare Giada.
aspetto qualche minuto…è ora di cena per Greta e la faccio cenare (sbagliatissimo non si fa)
Vado in ospedale, mi fanno entrare subito in reparto.
La dottoressa che la visita dice che sta bene ma di tenerla in osservazione durante la  notte svegliandola ogni ora e mezza)
Rientro a casa che ho il peso sulle spalle e nella testa di mille anni.

Annunci

9 thoughts on “Il peggior pomeriggio della mia vita

  1. E' davvero emozionante fare la mamma, vero ;)!?
    E dire che un po' di noia – poca poca eh! – non guasterebbe.
    Comunque guarda il lato positivo: state tutte bene (magari tu hai perso qualche anno di vita…)!
    Un abbraccio ragazze 🙂

    Mi piace

  2. Ti capisco…anche io con Francesco avevo il problema che cresceva poco. Poi con lo svezzamento totale le cose sono migliorate anche se lui non sarà mai un mangione, infatti rispetto a Riccardo mangia molto meno e soprattutto poche cose, le sue! Vedrai che tutto si sistemerà…baci baci

    Mi piace

  3. Ma è normalissimo che i bambini prendano molto peso nei primi mesi e poi rallentino! La crescita è un percorso irregolare. So che in altri paesi evoluti i pediatri non si interessano minimamente al peso. Poi la pediatra ti suggerisce di toglierle il tuo latte..!!! Perché???? Seguendo quale logica e quali indicazioni scientifiche? L'organizzazione mondiale della sanità dice esattamente il contrario. Io ho allattato i miei bambini per anni e sono cresciuti bene, svezzamento facile e poppate serene. Tutta la mia comprensione per la giornata pesante, abbiamo tante gioie ma anche tante responsabilità come mamme! Un abbraccio virtuale. Ketty

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...