bonus bebè · INPS · io mamma

Storia di un Bonus Bebè

Storia di un Bonus Bebè

immagine tratta dalla rete

Questa è la storia di un bonus bebè.
Un bonus bebè mai arrivato.
Perchè i bebè arrivano.
I bonus bebè, stanziati per aiutare le mamme lavoratrici no.
Ecco io sono una vincitrice del bonus bebè.
Il mio nome e quello della piccola Greta sono scritti neri su bianco sulla graduatoria italiana.
Per ottenere il bonus bebè ho rinunciato al concedo parentale facoltativo.
C’ho rinunciato perchè tanto non l’avrei preso (5 mesi lontano da un’azienda privata sono tanti).
Ho scelto di chiedere il bonus per usufruire del servizio baby sitting.
Ovvero Greta non va al nido ma viene la baby sitter a casa.
Non avendo a questo giro di maternità nonni disponibili, quella della baby sitter era la scelta migliore.
Sono molto contenta della ragazza che viene a casa (ha la mia età ed ha già due figlie) sinceramente non avrei potuto sperare di meglio.
Quando ho visto il mio nome in graduatoria è stato un bel sollievo
Sapere di avere un contributo di 300€ al mese (per 6 mesi) è roba non da poco.
Peccato che all’INPS di competenza io fossi la prima mamma (e forse anche l’unica) ad aver fatto richiesta del bonus bebè e neanche il gran capo INPS sapeva chi mi doveva dare i voucher.
Tante è vero che uno degli impiegati mi ha detto:” Ma chi te l’ha fatto fare di impelagarti in questa storia?”
Sono passati altri due mesi e il 2013 sta quasi finendo.
Io il bonus bebè non l’ho ancora avuto.
Deve chiamarmi l’INPS di Napoli.
Ecco, cara INPS di Napoli, io a lavoro sono rientrata da 3 mesi e non ho ancora visto un centesimo.
Ogni mesi il 27 (perchè il 27 è san paganino) ho pagato lo stipendio alla baby sitter.
Quando ho compilato la domanda ho pensato “che bello stiamo diventando un paese per mamme”.
Invece no.
Siamo ancora la solita Italietta tutta fumo e niente arrosto

Annunci

One thought on “Storia di un Bonus Bebè

  1. Conosco l'argomento e pure l'odissea di chi ci e' passato e/o sta passando. La questione e' semplice e drammatica: non hanno fondi e da qui i ritardi, che giustificano nei modi più fantasiosi, a volte manca un documento a volte la domanda e' incompleta, a volte e' l'ufficio amministrativo che non e' coordinato con gli altri. La media di tempo con cui Inps paga situazioni così, ma anche maternità o disoccupazione, e' tre mesi, anche se poi quando lo fanno arrivano tutti gli arretrati. Ti consiglio di verificare e pressare, probabilmente ti propineranno una delle solite scuse per il ritardo, ma senon insisti, la pratica rimane sotterrata per tutto il tempo possibile. Se non riesci a risolvere, rivolgiti ad un Caff o patronato, loro hanno rapporti diretti con questi uffici, e possono essere di grande aiuto. E' un consiglio all'italiana lo so, ed e' una tristezza, ma tu scassagli le scatole, per bene, fino al giorno in cui i soldi non saranno nelle tue tasche!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...