#merenda2punto0 · idee · mamme · merendine · opinioni

Come vorreste che fosse la merendina per i Vostri figli?

Nessuna merendina è stata torturata per la stesura di questo post

Sabato sono stata a Roma.
Ho partecipato ad un’indagine che il sito www.merendineitaliane.it – un sito istituzionale voluto dall’AIDEPI (Associazione delle Industrie del Dolce e della Pasta italiana) ha effettuato con l’aiuto di The Talking Village su circa 100 mamme, tra blogger e  redattrici di siti web dedicati ai bambini.
Ebbene squillino le trombe c’ero anche io.
Ammetto che quando mi hanno invitato ho pensato che mi sarei sentita un po’ un pesce fuor d’acqua però mi piaceva l’idea, in quanto consumatrice e soprattutto in quanto madre) di poter esprimere un mio parere. (inutile dire che ero gasatissima, come per la gita di fine anno, perchè avrei incontrato, rivisto e conosciuto molte blogger che seguo) 

Ritorniamo seri.
I dati emersi dalla ricerca sono molto interessanti:

 la maggior parte dei bambini fa merenda: ben il 79,6% la fa sempre, il 17,6% la fa, ma non tutti i giorni.  E se il 63% dei bambini fa merenda sia a metà mattina che a metà pomeriggio, 1 su 3 sacrifica invece  quella di metà mattina.
– per la merenda del pomeriggio ecco i cibi scelti: frutta e yogurt al primo posto (36,4%), seguiti da gelato (25,3%), prodotti da forno confezionati (23,2%) e dolci preparati in casa (17%).
– 3 mamme su 10 esprimono preoccupazione e, in parte, senso di colpa, vivendo con ansia questo momento e avendo dei dubbi sull’adeguatezza della merenda proposta ai propri figli.
– la metà delle mamme intervistate sovrastima il contenuto calorico di una merendina; per il 52% infatti  una merendina in media conterrebbe tra le 200 e le 300 kcal e per il 6,3% addirittura oltre 300 kcal. Mentre solo 1 mamma su 3 ha risposto, in maniera corretta, indicando un contenuto calorico medio che si aggira tre le 130 e le 170 kcal 
Sono state espresse perplessità sui grassi vetegali.
Demonizzatissimo l’olio di palma -ammetto che non sapevo neanche cosa fosse.
(piccola postilla pare che anche i cuori di palma non siano il massimo da mangiare. Ovviamente io li adoro. Sono certa però che mangiati una tantum- li mangerei anche tutti i giorni- non mi condurrano a morte certa) 
Ne è uscito che le merendine non sono poi così male (sempre se usate con moderazione) e se affiancate da una giusta, corretta e varia alimentazione.
Ovviamente è anche importante fare movimento.
La seconda parte della giornata è stata dedicata al brain storming.
Tradotto in parole povere ognuna poteva dare la Sua idea.
Siamo passati dal porta merendina (tipo porta banana), alle merendine salate.
Dalla riduzione degli zuccheri alla riluttanza verso le pubblicità che si rivolgono ai bambini e non a chi fa effettivamente la spesa (a me sta più antipatico Banderas che viene strapagato e sono certa che non ha preparato neanche un biscottino) 
Adesso tocca a voi.
Come vorreste che fosse la merenda da comprare al supermercato.
Per una volta abbiamo l’oppurtunità di dire  la nostra.
Non ci regaleranno neanche un pacco di merendine.
Sia chiaro.
Però possiamo dire cosa vorremmo trovare al supermercato.
Ora o mai più (come sono catastrofica!!!)
Intanto io, che sono sempre sufficientemente cogliona, sto lavorando a un progetto di merendina alla valeriana per aiutare il sonno di Giada visto che  ultimamente sta andando a letto troppo tardi per i miei gusti.
Annunci

3 thoughts on “Come vorreste che fosse la merendina per i Vostri figli?

  1. anche se sono una bambina un po' cresciuta, (ma in un mondo futuro, con uno stipendio e tanti asili nido e baby sitter disponibili a iosa, potrei essere anche madre) sono sensibile all'argomento. di cucinare non mi sfiora nemmeno l'idea, anche perché devo investire in altro il mio tempo, non ho il forno,e nemmeno una cucina spaziosa, per cui lascio che sia l'industria alimentare a nutrirmi… solo che essendo intollerante al lattosio (devo evitare latte e derivati) e allergica al nichel (devo evitare una vasta gamma di cereali, frutta, conservanti e coloranti, ecc ecc), per quanto riguarda le merendine confezionate posso mangiare una ridottissima e limitatissima gamma di alimenti. la maggior parte oltretutto costa tantissimo (sopra i 3 euro e oltre)… e se uno avesse un figlio allergico e non potesse spendere un patrimonio? e perché non creare linee molto più vaste di alimenti ipoallergenici (cioè fare più varianti di una stessa merendina)?? che ne pensate? (ho scritto uno sproposito sorry)

    Mi piace

  2. Posto che proibire certi cibi ai bambini non serve a niente, perché poi se li mangiano fuori casa (parlo per esperienza), direi che c'è già abbastanza scelta. Un'intera corsia del supermercato solo di merendine!

    Mi piace

  3. sulla prima parte concordo! per quanto riguarda invece la varietà, ovviamente io sono di parte e parlo per quelle che compro io. per esempio tra quelle senza lattosio che costano meno, le privolat, si trovano solo i cornetti all'albicocca. ed è pensate mangiare per mesi solo cornetti all'albicocca! O_O

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...