io · regina della casa

La regina della casa

Ho un contratto di lavoro a tempo indeterminato come impiegata.
Ho un altro lavoro però.
Più impegnativo.
Non remunerativo.
Sono l’amministratore delegato della casa.
E non è che la cosa mi faccia piacere.
Non è che io abbia sostenuto un colloquio sbaragliando la concorrenza di decina di candidati
C’ero solo io.
Oggettivamente me la sono cercata.
L’indipendenza ha un rovescio della medaglia che nessuno ti dice.
Sai fare da sola.
Non chiedi aiuto.
E finisce che farai tutto da sola.
E’ così.
Dunque il mio ruolo di amministratrice prevede lunghe liste di cose da fare in casa quando non ci sono.
Perchè sì, ogni tanto vado via lo stesso.
La lista per questo week end comprende:
– ricordarsi di innaffiare fiori e giardino (che per non dirlo quando sono stata a Torino mi sono ritrovata tutti i fiori morti. Ho recuperato i gerani con un intervento manco fossi la  Meredith Grey dei fiori).
-dare la medicina a Zeus (per chi se lo fosse perso è il gattino nuovo. Quello piccolo, che in quanto trovatello necessita di tre tipi di medicine diverse. Ecco con Zeus mi sento un po’ Candy Candy…forse dovevo chiamarlo Terence)
– comprare i croccantini ai gatti (Kitten per Zeus- dietetici per Briciola)
-mettere fuori venerdì sera l’indifferenziato che verrà ritirato sabato mattina. Per la cronaca la lista è attaccata sulla cappa in cucina, ma lui non la guarda, suppongo faccia così  perchè non cucina.
-pagare una bolletta. In genere me ne occupo io il sabato mattina. (scommetto 50€ che non troverò la ricevuta)
Non elenco pulizie, lavatrici e varie ed eventuali di cose da fare in casa perchè oggi è passata la ragazza delle pulizie. Ho già ritirato il bucato steso fuori.
Insomma è sufficiente passare l’aspirapolvere (domenica conterò palline di pelo?)
E così giusto per concludere chiudo con una citazione di Woody Allen  “La dea dell’amore”:
“Papà ma a casa comanda mamma?”
“No, mamma prende solo le decisioni importanti” 
Che poi fosse vero…non decido manco la meta delle vacanze.
Una cosa è certa: la Regina della casa sono io.
Part-time s’intende.
Perchè comunque c’ho una vita da vivere.
(anche questa è una citazione. il libro è La classe fa la ola mentre spiego. Vi giuro ho cominciato a leggerlo in fila alla posta. Mi hanno preso per pazza o scema forte ero letteralmente piegata in due dalle risate) 

Annunci

7 thoughts on “La regina della casa

  1. Non ne parliamo! Il coniuge non paga nemmeno le bollette non dico alla posta ma nemmeno al bar tabaccheria dove va seempre perché il mio caffè fa schifo! ( il mio caffè Fa schifo) ho trovato una cosa che fa. Il caffè ma solo sotto tortura e se lo chiedo in circa 15 lingue diverse. Per fortuna che si occupa dell'igiene delle bambine, altrimenti sarebbe da rottamare….

    Mi piace

  2. Ho bisogno di ridere, quindi mi sa che colgo il suggerimento del libro, per il resto… due settimane fa si è scatenato l'inferno a casa mia per un post simile. Sto zitta, onde evitare!

    Mi piace

  3. Per la cronaca la casa, che è fatta di mattoni come dice Giada (I tre porcellini docet), ha resistito alla nostra assenza.
    L'interno necessita di manutenzione.
    La lavatrice ha già chiesto le ferie.
    Sono esaurita al punto giusto.
    Mi batte solo Zeus che senza Giada in casa se l'è spassata alla grande.
    Poverello

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...