io · psoriasi · stress · trasloco

Potrei anche scrivere un post serio

Noleggio ...

Pare che la psoriasi fosse troppo poco.
Così in questi giorni, in cui sono in numero maggiore i momenti in cui mi viene da piangere, mi sta venendo anche la gastrite nervosa.
Almeno credo.
Forse lo spero.
C’è che all’orizzonte si profila l’ennesimo trasloco.
Da quando viviamo insieme (8 o 9 anni oddio non mi ricordo. sembro quegli uomini che dimenticano il giorno del loro anniversario O_o) ne abbiamo già fatti due questo sarebbe il terzo.
Da che vivo sarebbe l’ottavo o il nono trasloco.
Forse farei prima a vivere in un camper.
Il bello è che poi tutti sti traslochi sono avvenuti  in 40 km al massimo.
Al momento due problemi si profilano all’orizzonte.
Problema 1 : sopra casa mia (abito in un’oasi naturale con tanto di presidio del corpo forestale e pini secolari) hanno individuato una cava  per farci una bella discarica di rifiuti organici.
Il comune P. (che è quello dove vivo) prende i soldi dalla comunità europea.
Il comune Q. (che ci sta a trecento metri) si prende la monnezza e stanno bloccato le strade.
Senza offendere nessun da qualche parte sta monnezza la devono mettere ma perchè proprio in un centro abitato.
Ecco io me ne andrei di corsa (sono in affitto per chi non lo sapesse)
Problema numero 2: al 99.99999999% l’ufficio dove lavoro si sposta a 30 km da dove siamo. Io prima abitavo da quelle parti e nel comune P. dove abito non ho nessun parente solo le mie amiche e non posso permettermi una baby sitter.
Il tempo che ci impiegherei traffico permettendo è di circa un’ora
In pratica arriverei alle 18/18.15 a prendere Giada a scuola.
Sarebbe l’ultima bambina ad uscire.
Credo che facendo così l’anno prossimo invece della festa di compleanno le regalo 300 € di acconto per lo psicologo durante l’adolescenza.
Unica soluzione che vedo possibile è il trasloco dall’altra parte della città.
Ritornerei a vivere nel paese di mamma e di babbo.
L’intenzione è quella di iscrivere sempre Giada ad una scuola privata così che io possa andarla a prendere alle 17.15 come adesso e di essere più vicina a Lei in casi di imprevisti (ovviamente mia madre o mio padre potrebbero sempre aiutarmi in caso di febbre/tosse e tutte le possibile cause di assenze a scuola prevista nel manuale del genitore informato).
Problema 3: a Lui il comune C. quello dove abita mia madre non piace però non accompagna mai Giada a scuola prima delle 10 (sotto minaccia! In genere la porta alle 11.30) e non rientra a casa mai prima delle 21.
Al momento con lo stomaco che mi tira e la psoriasi che impazza non vedo altre soluzioni.
Voi?
Avete proposte?
Illuminatemi o se preferite vi mando l’indirizzo per mandarmi una confezione di Prozac.
Per chi non lo sapesse ho fatto l’ultimo trasloco a maggio 2010 e per chi non lo sapesse gli scatoloni li ho fatti e portati io.
Da sola.
Tzè…poi  si preoccupano che non ingrasso.

Annunci

13 thoughts on “Potrei anche scrivere un post serio

  1. anche io appoggio i consigli sopra, certo il trasloco è deleterio…io ne ho fatti solo due, uno con i miei quando hanno comprato casa e uno con il marito da un condomio all'altro (sono uno di fianco all'altro) e ho detto “mai più per almeno 30 anni…giusto per quando finisco il mutuo…ahahah scherzi a parte credo proprio che valga la pena fare il trasloco e lui se ne farà una ragione perchè alla fine tutto il menage familiare ricade su di noi, tutto pesa su di noi allora a sto punto meglio una settimana di trasloco e dopo godersi al piccola sana di mente….

    Mi piace

  2. Vai vicino ai tuoi! Senza dubbio. Capisco che al tuo Ammore possa non piacere il comune, ma dovresti guardare più alla comodità che al resto. Quanto a traslochi, nel 2007/2008 ne ho fatti 5!!! Separazione e sbattimento tra una casa e l'altra…. la fortuna è che non avevo tanti mobili da portarmi dietro!

    Mi piace

  3. tesoro io te l'ho già detto….respira, prenditi il tuo tempo, libera la mente e una soluzione la troverai di certo. E pensa a te, e alla tua serenità…cioè: vai vicino ai tuoi. Lui si adatterà. Oppure è ora che si dia un pò più da fare ;)))

    Mi piace

  4. Nooooooooooo…il trasloco noooooo….
    Ok mi contengo.
    Se traslocare ti può semplificare la vita ok, passa due mesi sotto sopra e poi rilassati..
    però ti capisco…eccome se ti capisco..
    Il trasloco è un'esperienza traumatica..

    Mi piace

  5. ne ho fatti 4 e me li sogno ancora la notte… per quanto mi riguarda, in questi casi gli uomini non vanno nemmeno interpellati: chi porta la bimba all'asilo? chi fa la spesa? chi cucina? chi eccetera eccetera?
    e quindi, chi deve stare comodo??? 😉

    Baci!

    Mi piace

  6. Premesso che non augurerei di traslocare neanche al mio peggior nemico (ci sono passata 4 volte e so cosa vuol dire), questa volta direi che è davvero necessario.
    la tranquillità che possono darti i tuoi nel gestire la bimba non può dartela nessun altro.
    Io abito a 3 km dai miei genitori e pensano sempre loro a riprendere i bimbi da scuola perchè io esco alle 18,00 mentre materna ed elementari chiudono alle 16,00.
    Se non avessi loro dovrei smettere di lavorare. Una baby sitter guadagna più di me e non avrei di che pagarla.
    Trasloca e non ci pensare.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...