io donna · io mamma · scleri · sfiga

Di week end al massacro

Non so voi, ma io arrivo ai week end o alle rarissime giornate di ferie che mi concedo come uno che ha avuto una condanna a tre ergastoli (giusto perchè te ne devono dare tre per fartene fare uno)  e gli concedono una giornata di libertà.
In queste giornate voglio fare tutto.
Adesso starete pensando che avrei dovuto dire “vorrei fare tutto” invece no.
Ho scritto bene.
Voglio fare tutto e lo faccio.
Ovviamente la sera sono uno straccio che al confronto quello che uso per lavare i pavimenti ha un aspetto più rilassato del mio.
Diciamo che il mio motto è: non rimandare al prossimo sabato quello che puoi fare questo sabato.
Cioè ieri.
Se poi la mattina, del mio sabato di libertà, comincia che ti allaghi in cucina, si ottura lo scarico della cucina e, causa lavori, va via l’acqua per 6 ore capisci subito che sarà un sabato quasi di merda.
Però ecco è sabato.
Ed io il sabato voglio essere ottimista.
Il sabato è un giorno speciale.
L’ho insegnato a Giada e voglio mantenere la prossima.
Il sabato la mamma, cioè io, non lavora e si sta insieme tutto il giorno.
Ma ritorniamo alle ore 10.30 di sabato mattina.
Ho appena finito di fare la doccia, vestita e truccata alla meno peggio mi accorgo che dalla cassetta in cucina fuoriesce un po’ d’acqua (ricordatevi è sabato, è il mio giorno speciale e voglio essere ottimista). Il tanto che basta per arrivare sotto ai mobili. Troviamo in quattro e quattro otto un idraulico e vado alle poste- con Giada che vojo venire anche io – per pagare la tassa sui rifiuti (non vi dico lo sproposito che pago), rientro a casa in mezz’ora  e l’acqua ancora non è tornata,
Nel frattempo l’idraulico stava cercando di sturare la cassetta e Giada pensava ci fosse una festa a casa e portare i giocattoli all’assistente dell’idraulico (non ho capito perchè se l’è portato dietro. Vi giuro che non ha fatto nulla) 
Finito il lavoro e facendo una prova con una tanica d’acqua fornita dal nostro vicino l’idraulico sentenzia che forse ha risolto.
Forse.
Intanto l’acqua non torna e, non potendo fare assolutamente nulla, lascio la casa uno schifo e me ne vado al mercato con Giada.
Giretto di un’ora si   sta facendo tardi e me ne vado a casa di mia suocera per far mangiare Giada e poi era dal venerdì che mi diceva che voleva vedere la nonna.
Ho preso due piccioni con una fava: avete visto come sono ottimista di sabato?
Andiamo dalla suocera ed io rientro a casa sperando che dopo tre ore l’acqua sia ritornata.
Niente da fare.
Ritorno dalla suocera (almeno mangio anche io) sono le 15.
Mi hanno aspettata per mangiare.
Mentre ci mettiamo a tavola suonano i tecnici che devono consegnare la nuova lavastoviglie a mia suocera.
Togli la vecchia metti la nuova se ne va un’ora.
Mangiamo alle 16.
Incurante di casa prendo Giada e e ne vado in giro per la Napoli bene.
Avevo comunque una missione: comprare due regali per due bimbi!
Ci facciamo la nostra passeggiata e rientriamo a casa alle 19.
L’acqua è tornata!
Miracolo
Devo fare lo shampoo e lavare in cucina.
Ma ho solo 50 minuti: alle otto dobbiamo essere a casa di amici per la partita (in genere la vediamo a casa mia ma, vista la situazione, mi sembrava doverosa una trasferta) .
Faccio testa o croce e vincono i pavimenti e la cucina.
Alle otto p.m. in punto siamo a casa dei nostri amici.
Rientriamo a casa alle 00.30 (avrei detto la mezza ma la mezza non è la stessa ora in tutta Italia).
A letto sono letteralmente svenuta dal sonno.
A questo punto della storia qualcuno penserà: “Ma a me che me ne importa dei fatti tuoi?”
Il fatto è che sabato prossimo devo lavorare (tutto il giorno) e mi sta prendendo malissimo.
HELP ME
Annunci

3 thoughts on “Di week end al massacro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...